Registrazione  |  Login

mercoledì, giu. 26 03:09

 
 

 
   
 
 
Riducisito affiliato a:
 
   Associazione Italiana per l'Educazione Visiva
.
www.aiev.it
 
 
 
RiduciSilvia Bodda, insegnante di metodo Bates e operatrice olistica
 
   

Mi chiamo Silvia Bodda, sono nata a Torino e da qualche anno ho fatto la scelta di abitare in montagna, in Valsusa, e di licenziarmi dalla banca in cui lavoravo per fare il lavoro di operatrice olistica.

Dall'età di 20 anni ho frequentato diversi corsi sui Fiori di Bach (che uso da anni e che estraggo nel mio paese in montagna), alcuni corsi sulla "Tecnica Vibrazionale di Baba Bedi", di cui sono terapista, ed ho conseguito il primo e secondo livello di Reiki.

Dal 2006 ho il diploma di Insegnante di Metodo Bates e sono riconosciuta dalla Associazione Italiana per l'Educazione Visiva come insegnante Bates.

Nel 2009 ho preso il secondo livello della tecnica PSYCH-k(R) per riprogrammare le credenze limitanti.

Nel 2009 ho preso il diploma di Bars Facilitator, per tenere sessioni di massaggi Bars o seminari per insegnare i massaggi Bars di Access Consciousness.

Nel 2011 ho frequentato il corso di Cromopuntura secondo Peter Mandel, e nel 2013 ho conseguito il diploma avanzato di Cromopuntura.

Nel 2015 ho terminato il corso base di Costellazioni Familiari presso l'Istituto Nemeton con Marco Massignan

Mi piace il mio lavoro di terapista olistica, tengo seminari in tutta Italia di Metodo Bates e di Costellazioni Familiari, e sedute individuali a Torino e in Valsusa delle diverse tecniche che conosco, per lavorare in modo globale con le persone.

Mi piace molto anche organizzare i seminari residenziali, in cui si imparano non solo il metodo Bates o i massaggi Bars, ma si vive in compagnia qualche giorno in montagna, si mangia vegetariano, si impara a cucinare cose vegetariane, a fare l'orto in modo naturale, si parla di come creare insieme un nuovo mondo più armonico e si sperimentano direttamente queste nuove pratiche.

 

 
 
 
RiduciCristina Laura Bruno, cuoca vegana e operatrice olistica
 
   

Cristina Laura Bruno

costellatrice familiare

appassionata di tarocchi proiettivi

cuoca appassionata di cucina naturale e del territorio

ricerca e raccoglie erbe spontanee per la cucina e la salute

 

nata a Torino, tra il lungo Po e piazza Vittorio, figlia di un pasticcere, nel cui negozio cresce la sua passione per la cucina e di un insegnante attivista politica.

Sin da piccola curiosa dell'esistenza e appassionata di culture e cibi, manifesta il suo interesse per la natura, il dubbio sul modello di sviluppo occidentale e la preoccupazione precoce per l'impatto dell'uomo sull'ambiente.

Dopo la maturità scientifica, affronta diverese esperienze lavorative e di studio anche in discipline non convenzionali.

Nel 1997 fonda, in collaborazione con la cooperativa del commercio equo Equa-mente, “i Chicchi” uno dei primi catering vegetariani con prodotti bio e del commercio equo e solidale. Negli anni della crescita del figlio Riccardo lavora nell'ambito della fitocosmetica, continua a studiare e sperimentare diverse discipline, tra cui la cucina (soaziando tra quella tradizionale, vegetariana, vegana, etnica, l'utilizzo delle erbe spontanee nell'alimentazione, la cucina povera dei territori, l'utilizzo di materie prime locali e stagionali), affronta percorsi di consapevolezza (psicologia freudiana, l'analisi lacaniana, la psicosinetsi, la kinesiologia evolutiva, il massaggio andino, la grafoanalisi ) e formazione in diverse discipline olistiche.

Ha scelto di vivere in montagna per essere in contatto con la natura, per scoprire, nelle pieghe della tradizione, rimasugli dell'antico sapere, per misurare se stessa alla ricerca di un modo di vivere più vicino a quello che è appartenuto per migliaia di anni alle comunità umane.

Appassionata di erbe spontanee sin da piccola, ne studia proprietà e varietà in particolare nell'alimentazione. Conosce “per caso” i tarocchi proiettivi nel 2005, approda alle costellazioni familiari e sistemiche nel 2013. Nel 2013 nasce “Chicchi di Luna” un ampio progetto di sostenibilità e crescita di consapevolezza. Ha collaborato con diverse realtà della Val di Susa, dove vive dal 2012, tra cui la Rivoluzione vien mangiando, Etinomia, Ostello Conte Rosso, Coop Il Ponte, Revejo, Rifugio Amprimo, Worcup, pro loco di Bruzolo, associazione Canapa Valsusa... Ha proposto la sua cucina, organizzato incontri e eventi in luoghi storici della valle ( tra cui Festival Alta Felicità, casaforte di San Didero, piazza Conte Rosso ad Avigliana, abazia di Novalesa, sacra di San Michele, festa dell'Abbà di Sant'Ambrogio, presidio Picapera ..) proponendo corsi sull'utilizzo di erbe spontanee, sulla consapevolezza alimentare, incontri dedicati alle medicine olistiche ed al benessere, festività rituali legate gli antichi culti della ruota dell'anno.

A dicembre 2018 ha avviato l'atelier temporaneo E-Venti- eccellenze della Val Susa in collaborazione con diversi piccoli produttori di montagna, artisti, scrittori, artigiani della Valle.

Attualmente propone cucina del territorio e vegetariana con materie prime locali, incontri di consapevolezza, eventi e culturali e progetti di turismo sostenibile.

 

 
 
 
RiduciVacanze Olistiche e Solstizio in Val Cenischia con Silvia e Cristina
 
   

Silvia e Cristina hanno lasciato le loro posizioni lavorative “sicure” e la vita nella città per la montagna dove vivono in piccoli borghi dell'alta Val di Susa.

 

Propongono e sperimentano da anni stili di vita, cucina e vacanze sostenibili, percorsi di consapevolezza di se e del proprio rapporto con la Madre natura.

Sono convinte sostenitrici di una rivoluzione culturale la dove la globalizzazione viene sostituita da produzioni locali di eccellenza, la massificazione con l'auto produzione, l'acquisto con la raccolta con la convinzione che la salvaguardia delle biodiversità e del territorio parta dalle nostre piccole azioni quotidiane e dal nostro esempio.

 

il mondo cambia con il tuo esempio e non con la tua opinione” Paolo Cohelo

Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo” Mahatma Gandhi

Spostarsi dalla monocoltura della mente alla biodiversità, dal paradigma dell'ingegneria a quello dell'ecologia, può aiutarci a conservare la biodiversità, rispondere ai nostri bisogni di alimenti e di nutrimento, evitare i rischi dell'inquinamento genetico.“ —  Vandana Shiva

 

Il sistema collasserà se ci rifiutiamo di comprare

quello che vogliono vendere, le loro idee,

la loro versione della storia, le loro guerre,

le loro armi, la loro nozione di invevitabilità.

Ricordatevi questo: noi siamo molti e loro pochi.

Hanno bisogno di noi più di quanto ne abbiamo

noi di loro. Un altro mondo, non solo è possibile,

ma sta arrivando. Nelle giornate calme lo sento

respirare.

Arundhati Roy

 
 
 
RiduciSilvia Bodda
 
   
.
 
 

Condizioni d'Uso  |  Dichiarazione per la Privacy  

 Copyright (c) 2019 Metodo Bates-Torino. Educazione visiva, massaggi Bars, fiori di Bach, cromopuntura, psych-k (R)